it 0322-248892 info@nuovamenteviaggi.it

TOUR VIETNAM E CAMBOGIA

-
-

Prenota

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

385

Perchè prenotare subito?

  • Garantisce il posto
  • Assistenza
  • Assicurazione compresa

Dubbi?

Non esitare a chiedere informazioni

0322-248892

info@nuovamenteviaggi.it

15 Giorni | Dal 18 gennaio al 1 febbraio 2019
Periodo : Dal 18 gennaio al 1 febbraio 2019
Milano malpensa
Vietnam e Cambogia
DESCRIZIONE

La natura rigogliosa e le antiche pagode, il fascino di culture millenarie e della spiritualità orientale, i colori e i profumi dei mercati ed i villaggi rurali senza tempo, le incredibili rovine della città perduta di Angkor e la spettacolare Baia di Halong. Un viaggio indimenticabile dal Golfo del Tonchino al Delta del Mekong, fino al cuore della civiltà khmer.

DETTAGLI

GIORNO 1
ITALIA – HANOI Ritrovo dei partecipanti presso il Terminal 1 dell’aeroporto di Milano Malpensa alle ore 09:40 e partenza con volo di linea Singapore Airlines alle ore 12:40 via Singapore. Cena e pernottamento a bordo.

GIORNO 2
HANOI Alle ore 11:40 arrivo all’aeroporto di Hanoi, capitale del Vietnam fin dalla sua riunificazione nel 1976. Disbrigo delle formalità di ingresso e incontro con la guida. Sistemazione in hotel e pomeriggio a disposizione per riposo.

GIORNO 3
HANOI – HALONG (170 km) Partenza in pullman per la celebre Baia di Halong, formata da centinaia di isolotti emergenti dal mare. Un’antica leggenda narra la nascita di questa meraviglia della natura, formatasi dai resti della coda di un drago inabissatosi nel mare. Arrivo al porto, imbarco su un battello da crociera e sistemazione nelle cabine riservate. Inizio della navigazione, addentrandosi tra la miriade di isole, isolotti, faraglioni e scogliere, nelle quali si aprono grotte dove stalattiti e stalagmiti disegnano le più straordinarie scenografie naturali. Pernottamento a bordo.

GIORNO 4
 HALONG – HANOI (170 KM) Mattinata dedicata alla scoperta delle più nascoste meraviglie della baia. Brunch a bordo e sbarco. Rientro a Hanoi in pullman e visita della capitale vietnamita, abitata fin dal III secolo e rifondata nel XI secolo dalla dinastia che liberò il paese dal dominio cinese; il suo volto attuale risale al periodo coloniale francese. Visita dei luoghi più significativi della città: passando davanti all’imponente Mausoleo di Ho Chi Minh si entra nel parco di quella che fu la Residenza del Governatore Generale dell’Indocina, dove si trova anche la casa in cui visse il padre dell’indipendenza; non distante sorge la deliziosa Shua Mot Cot, la Pagoda ad un solo Pilastro eretta nel 1049, accanto alla Pagoda Dien Huu. In serata spettacolo teatrale delle famose marionette sull’acqua, una delle espression i più autentiche della cultura vietnamita. Nel teatro situato sulle rive del Lago Hoan Kiem, conosciuto come il Lago della Spada restituita si assiste ad uno spettacolo unico, dove gli attori sono delle marionette in legno che, accompagnate da suggestive musiche, recitano e danzano sull’acqua facendo rivivere le antiche storie della tradizione, gustose scene di vita quotidiana e vicende tratte dalle più poetiche leggende popolari.

GIORNO 5
 HANOI – DANANG – HOI AN (50 km) Al mattino proseguimento delle visite nella città di Hanoi, con il suggestivo Museo Etnografico dove costumi, oggetti d’uso comune e ricostruzioni di case tradizionali offrono un affascinante quadro della vita delle minoranze etniche. Si proseguirà fino alle rive del Ho Tay o Lago dell’Ovest dove nel 1010 fu costruito il tempio taoista Quan Thanh dedicato al Genio Tran Vu, protettore del Nord. Nel pomeriggio visita del Tempio della Letteratura, il più bel complesso architettonico di Hanoi, luogo di diffusione degli insegnamenti di Confucio, risalente al 1070 e considerato la più antica Università asiatica. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo interno per Danang, sede della più grande base militare americana durante la guerra. Arrivo a Danang e trasferimento in pullman a Hoi An, incantevole cittadina un tempo fiorente porto commerciale e centro di scambi tra oriente ed occidente.

GIORNO 6
 HOI AN – MY SON – HOI AN (120 KM) In mattinata visita del massiccio del Ngu Hahn Son, le Cinque Montagne di Marmo o dei Cinque elementi naturali, dove venne costruita, addossata alla parete rocciosa, la Pagoda Linh Ung, uno dei più venerati luoghi di culto della regione. Proseguimento per My Son e visita dell’antichissima città santa del Regno del Champa, che fu contemporaneo ed antagonista del grande Impero Khmer, dichiarata Patrimonio Unesco: scoperta dagli archeologi tra la folta vegetazione in un anfiteatro roccioso, dove i sovrani Cham edificarono tra il VI ed il XIV secolo i santuari in mattone ed arenaria dedicati al culto di Shiva e Vishnu. Rientro a Hoi An per una passeggiata nel pittoresco centro storico, un mosaico di civiltà diverse che hanno lasciato una straordinaria eredità storica e culturale, rappresentata dal Ponte coperto giapponese, dalle case dei mercanti cinesi e dalle influenze dell’architettura coloniale francese.

GIORNO 7
 HOI AN – HUE (130 KM) In mattinata visita del Museo della Scultura Cham di Danang, che raccoglie splendide opere d’arte statuaria di grande espressività e sensualità unica, legate alla tradizione religiosa indo-ariana. Partenza in pullman per Hue, che fu capitale imperiale con la dinastia Nguyen, sulle sponde del Song Huong, conosciuto come il Fiume dei Profumi. Nel pomeriggio, dopo una passeggiata fra i banchi del grande mercato di Dong Ba, visita della Città imperiale, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, situata all’interno della Cittadella, un’enorme fortezza che comprende tre strutture concentriche: la Città Municipale, la Città imperiale e la Città purpurea proibita.

GIORNO 8
 HUE – HO CHI MINH Trasferimento in aeroporto e partenza in aereo per Saigon, ribattezzata Ho Chi Mihn nel 1975, la città più popolosa del Vietnam. Escursione a Cu Chi, la famosa cittadella sotterranea dei Viet Cong, che riuscirono a scavare a mano un’incredibile rete di gallerie estese per centinaia di chilometri, che includevano magazzini, dormitori e armerie, e che resistettero ai bombardamenti e furono determinanti per la sconfitta statunitense. Nel pomeriggio visita di Saigon, con la Posta centrale, progettata da Gustave Eiffel, la neogotica Cattedrale di Notre-Dame, il Mercato Binh Tay, la Pagoda di Thien Hau, dedicata dalla congregazione cantonese alla Dama Celeste, protettrice dei mercanti e dei marinai.

GIORNO 9
 HO CHI MINH – DELTA DEL MEKONG – CHAU DOC (230 KM) Partenza per le località più suggestive nel cuore del Delta del Mekong, il possente fiume originario dell’altopiano del Tibet che, dopo un percorso di 4500 km si divide in nove rami, per formare la regione del Song Cuu Long o Fiume dei Nove Dragoni, con le sue verdi distese di risaie, le fitte piantagioni di frutti tropicali e una complessa rete di canali. Proseguimento su piccole imbarcazioni alla volta del pittoresco mercato galleggiante di Cai Be, osservando la vita quotidiana sulle rive del fiume, che prosegue a ritmi inalterati da secoli, tra battelli da pesca, isolotti con una vegetazione lussureggiante e villaggi di case con tetti di paglia. Nel pomeriggio proseguimento per Chau Doc, vivace città di confine caratterizzata da una delle maggiori diversità etniche e religiose della regione.

GIORNO 10
 CHAU DOC – PHNOM PENH (110 KM) Al mattino partenza in battello veloce per la Cambogia, risalendo uno dei canali che collega il Fiume Bassac al Mekong Inferiore. Sosta sulla riva presso il posto di frontiera tra Vietnam e Cambogia per il disbrigo delle formalità doganali. Proseguimento della navigazione attraverso lo stupendo paesaggio fluviale. Arrivo a Phnom Pehn, capitale del Regno della Cambogia. Nel pomeriggio visita del Museo Nazionale, prezioso scrigno che racchiude i capolavori della scultura khmer dal V al XIII secolo, e dell’area del Palazzo Reale e del complesso della Pagoda d’Argento.

GIORNO 11
 PHNOM PENH – SIEM REAP (320 KM) Partenza in pullman in direzione di Siem Reap, lungo l’antica via reale che attraversa una pianura disseminata di villaggi con case di legno, bambù e foglie di palma. Sosta a Skun, cittadina conosciuta per la curiosa specialità gastronomica locale: i ragni fritti. Nella località di Kampong Kdei si incontra lo Spean Praptos, antico ponte costruito dall’imperatore Jayavarman VII nel XII secolo. Sosta al villaggio di Kompong Khleang, sulle rive dell’immenso Lago Tonle Sap, con le sue alte palafitte che si levano lungo i canali e le case galleggianti abitate dai pescatori. Arrivo in serata a Siem Reap, la porta d’accesso ad Angkor.

GIORNO 12
 SIEM REAP – ANGKOR – SIEM REAP (25 KM) Intera giornata dedicata alle visite del parco archeologico di Angkor e dei suoi monumenti, probabilmente i capolavori architettonici più suggestivi del Sud-est asiatico. Tra fitte foreste e risaie ben curate si estende un’area di 400 chilometri quadrati sulla quale sorse la capitale del ricco e potente Impero Khmer, che intorno all’anno 1000 iniziò ad estendere il suo dominio su buona parte l’Indocina, rappresentando una delle più fiorenti civiltà asiatiche, anche dal punto di vista culturale e artistico. Visita del Mebon, un tempio indù costruito su un’isoletta al centro del bacino idrico del Baray orientale, e del Neak Pean, il tempio buddista dei serpenti intrecciati. Proseguimento con la visita del Prea Khan, il tempio della spada sacra, risalente alla fine del XII secolo. Nel pomeriggio visita dell’Angkor Wat, il singolo monumento religioso più grande al mondo, edificato da re Suryavarman II nel XII secolo, con le sue alte torri, gli stupendi bassorilievi e le 2000 incisioni di apsara, le danzatrici celesti.

GIORNO 13
 ANGKOR Seconda giornata dedicata alle visite dell’area di Angkor. Visita dell’Angkor Thom, ovvero la grande città in lingua khmer, l’ultima capitale fortificata dell’Impero Khmer, protetta da un muro alto 8 metri e lungo 12 chilometri. Al suo interno si trova il magnifico Bayon, enorme tempio buddista, adornato da 1200 metri di bassorilievi e 54 torri con enormi volti in pietra. Nel pomeriggio visita del Ta Prohm, edificato nel 1186, che con le sue rovine avvolte e soffocate dalle radici di alberi secolari, è forse il tempio più evocativo della civiltà perduta di Angkor. Proseguimento con il Prasat Kravan, tempio dedicato al dio Vishnu, e le rovine del complesso monastico Banteay Kdey, situato presso il vasto bacino Srah Srang, la vasca delle abluzioni del XII secolo, lunga 700 metri e larga 300.

GIORNO 14
 SIEM REAP – ITALIA
Tempo libero a disposizione. Nella tarda mattinata trasferimento in aeroporto e partenza in aereo con volo di linea Singapore Airlines per l’Italia via Singapore. Pranzo libero. Cena e pernottamento a bordo.

GIORNO 15
 ITALIA Arrivo all’aeroporto di Milano Malpensa alle ore 05:55.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi