it 0322-248892 info@nuovamenteviaggi.it

LA FERROVIA RETICA DA COIRA A SANKT MORITZ: IL TRENINO DELL’ALBULA

Prenota

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

362

Perchè prenotare subito?

  • Garantisce il posto
  • Assistenza
  • Assicurazione compresa

Dubbi?

Non esitare a chiedere informazioni

0322-248892

info@nuovamenteviaggi.it

1 giorno | 14 Luglio 2019
Arona Stazione 07:00 - Paruzzaro Autoarona 07:10
Svizzera
DESCRIZIONE

A bordo dell’inconfondibile trenino rosso della Ferrovia Retica, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, un vero capolavoro di tecnologia ferroviaria che convive armoniosamente con la natura delle Alpi Svizzere. La linea dell’Albula è uno spettacolare tragitto che sfrutta arditissime soluzioni ingegneristiche, collegando la città di Coira, capitale dei Grigioni, all’esclusiva Sankt Moritz, tra meravigliosi paesaggi montani e vallate selvagge.

DETTAGLI

Partenza in pullman dai luoghi convenuti per la Svizzera. Arrivo a Coira, incastonata tra le montagne nell’Alta Valle del Reno, capitale del Cantone dei Grigioni, considerata la più antica città della Confederazione ed il centro della cultura romancia. Tempo libero a disposizione per una passeggiata nel caratteristico centro storico di origine medievale. Partenza per Sankt Moritz a bordo del trenino rosso della Ferrovia Retica, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Questa tratta, inaugurata nei primi anni del XX secolo, è conosciuta come linea dell’Albula e rappresenta un vero capolavoro di tecnologia ferroviaria, che convive armoniosamente con la natura delle Alpi. In due ore di viaggio il trenino attraversa meravigliosi paesaggi montani e vallate selvagge, sfruttando arditissime soluzioni ingegneristiche, come il celebre viadotto Landwasser, quattro tragitti elicoidali ed un tunnel a spirale. Superato il tunnel del Passo dell’Albula si giunge in Engadina. Arrivo a Sankt Moritz, una delle località turistiche più famose al mondo, elegante ed esclusiva. Pranzo libero. Nel pomeriggio partenza in pullman per il viaggio di rientro attraverso il Passo dello Julier (2284 metri), che collega l’Alta Engadina alla Val Sursette. Rientro previsto in tarda serata.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi